Conferenza

In occasione della presentazione del volume "Nelle scie del Sacro Macello"

Locandina conferenza "Nelle scie del Sacro Macello"

Bormio - Martedý 2 agosto 2022 - Ore 17.30 
Sala Conferenze Succursale Banca Popolare di Sondrio - Via Roma 131

Incontro aperto al pubblico (nel rispetto della normativa in materia di Covid-19)

Il 19 luglio 1620 la Valtellina conobbe la sua piccola "notte San Bartolomeo", una tristissima pagina di storia fatta di orrori, nefandezze e crudeltÓ inaudite: a Tirano, Teglio e successivamente anche a Sondrio i cattolici in rivolta contro i dominatori grigioni si abbandonarono a una sistematica uccisione di protestanti. Perirono in tutto circa 400 persone di fede riformata.
L'insurrezione, nota col nome di "Sacro Macello", come la definý nell'Ottocento lo storico Cesare Cant¨, Ŕ stata oggetto di studi, rivisitazioni critiche e convegni nel corso di tutto il 2020, quarto centenario della rivolta. Tra queste un posto di rilievo occupa il volume Nelle scie del Sacro Macello, giÓ pronto per la stampa dal mese di febbraio 2020 e congelato a causa della pandemia. 

L'opera collettanea presentata, curata da Livio Dei Cas e Leo Schena e pubblicata col determinante contributo della Banca Popolare di Sondrio, si incentra su eventi, vicende e personaggi che hanno accompagnato la ricaduta del Sacro Macello sulle comunitÓ valtellinesi nei due secoli successivi. Denso di testimonianze dirette e ricco di una corposa rassegna bibliografica e di un'accurata indagine tra i saggi sull'argomento apparsi sul "Bollettino della SocietÓ Storica Valtellinese", il volume spazia dall'ambito prettamente storico a quelli religioso e artistico. 

Sono intervenuti alla presentazione: Guglielmo Scaramellini che ha affrontato con vigore il problema delle responsabilitÓ del barbaro eccidio e si sofferma sui recenti studi pubblicati in occasione della storica ricorrenza; Luisa Bonesio, che con gli strumenti propri della sua formazione geofilosofica ha sottolineato come i dettami della Controriforma abbiano profondamente ridisegnata la scenografia artistico-religiosa delle nostre valli; Cristina Pedrana, che ha effettuato una puntuale ricognizione tra gli scritti di Ulrich Campell, fervente sostenitore della Riforma, alla ricerca della presenza evangelica in Valtellina e Contadi. Il convegno Ŕ stato coordinato da Leo Schena.