1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
PopSo | Turismo, cultura e tempo libero - Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
Scrigno Internet Banking Vai a Scrigno Internet Banking

Menu principale di navigazione

 

Contenuto della pagina

Le stagioni di Paolo Punzo. Dalla montagna al paesaggio urbano

Icona locandina mostra Punzo

Dopo il successo riscosso all'annuale Assemblea dei soci svoltasi il 29 aprile u.sc., la Banca Popolare di Sondrio ripropone a Bormio per il largo pubblico e per i numerosi turisti che in questi mesi affollano l'Alta Valle, la mostra Le stagioni di Paolo Punzo. Dalla montagna al paesaggio urbano.

La mostra, inaugurata  martedì 18 luglio, nei raffinati locali dell'Agenzia n. 1 di Bormio della Bps, resterà aperta dal 19 luglio al 5 Agosto 2017.

Attraverso i dipinti del popolare artista bergamasco presenti nelle collezioni d'arte della Bps, la mostra ripercorre l'intero arco della sua produzione, dai paesaggi alpini d'alta quota, ai paesaggi urbani valtellinesi, bergamaschi e altoatesini, ai paesaggi marini della costa ligure, alle vivaci e delicate composizioni floreali. Un insieme importante di opere, talora poco conosciute, che ci restituiscono nel complesso la figura di un artista multiforme e completo.   

Ma non c'è dubbio che la fama e la popolarità di Punzo restano ancora oggi legate alla sua immagine di "artista della montagna", costruita, a partire dal 1935, attraverso la spettacolare rappresentazione  di alcune delle più celebri montagne valtellinesi - l'Ortles, il Tresero, il Disgrazia, il gruppo del Benina, il Cengalo, il Badile - e dei piccoli laghi d'alta quota, come il Lago della Manzina, a 2.800 metri in Valfurva, o il Lago della Cassandra, sotto l'omonimo passo di fronte al Disgrazia, che documenta la conformazione geologica del paesaggio prima del grande disfacimento glaciale degli anni '90 che ne ha mutato la fisionomia.

«Nessuno - ha scritto Franco Monteforte - ha saputo rendere, coi soli mezzi della pittura, l'evidenza tattile della roccia e della neve, del profilo di una montagna o di un intero gruppo di vette, come questo pittore alpinista che si arrampicava in cordata col suo zaino e il suo cavalletto, per rendere la verità e la maestosa purezza della natura e del paesaggio alpino d'alta quota in immagini di grande intensità atmosferica».

Ed è proprio per questa capacità di Paolo Punzo di testimoniare, attraverso la rappresentazione artistica delle montagne valtellinesi, i valori della montagna e del paesaggio alpino più in generale, che la Bps ha inteso riproporre questa mostra a Bormio in occasione dei trent'anni della tragica alluvione del 1987 e della frana della Val Pola, che ci ricordano quanto delicato e fragile sia l'equilibrio su cui si reggono quei valori e quanto necessaria la salvaguardia della natura e del paesaggio alpino ad assicurare la vita e le attività dell'uomo nelle nostre montagne.

All'esposizione fa da pendant, all'interno di posoarte.it la stessa esposizione ma in forma "virtuale" grazie alla quale il visitatore potrà approfondire la Figura di questo artista grazie alle note biografiche e a tutti i materiali e le schede critiche dei 17 dipinti.

Bormio, Agenzia n. 1 della Banca Popolare di Sondrio, Via Roma 64 , 19 luglio - 5 agosto 2017
Orari: da lunedì a venerdì 14.15 - 18.15.  Sabato 9.15 - 12.15 / 14.15 - 18.15
Ingresso libero.

 
 
 
Biblioteca Credaro' Banda Larga e menti aperte Popsoarte