Testata per la stampa

Sci alpinismo - Pizzo Redorta colosso orobico

 
  1. Scheda
 
  • Zona: Media Valtellina
  • Tipo: Sci alpinismo
  • Sigla: S71
  • Periodo consigliato: da gennaio ad aprile
  • Punto di partenza:Centrale Vedello 1032 m - Val Venina, raggiungibile percorrendo la SS. 38 dello Stelvio fino a Sondrio. Dalla fine della tangenziale si seguono le indicazioni per Piateda e, da qui, per Piateda alta. Prima di quest'ultima località, presso un ampio tornante, si imbocca a destra la carrozzabile per la Centrale Vedello (cartello). Da Vedello si può cercare di proseguire in auto per Agneda ma, generalmente, in pieno inverno, il fondo innevato impedisce di fatto il transito dopo poche decine di metri.
  • Esposizione:NW
  • Tempo di percorrenza:3.30 ore + 3 ore
  • Dislivello:971 m + 1035 m (2 giorni)
  • Difficoltà:BSA (Buon sciatore alpinista)
  • Attrezzatura:piccozza personale e una corda per gruppo. Utili i ramponi.
  • Bibliografia:Miotti G. e Selvetti C.: "282 itinerari di scialpinismo fra alto Lario ed Engadina" - Guida dalle Guide, Sondrio 1998: Vannuccini M. "Guida al Parco Regionale delle Orobie Valtellinesi" Lyasis Edizioni, Sondrio 2002.
  • Cartografia:IGM 1:25.000 «Valbondione», «Pizzo del Diavolo» e «Piateda»; IGM 1:50.000 foglio n. 056 «Sondrio»; Carta Escursionistica Kompass 1:50.000 n° 104 «Foppolo-Val Seriana»
  • Informazioni locali: Club Alpino Italiano - Sezione di Sondrio, via Trieste 27 - 23100 Sondrio, tel./fax 0342-214300;
  • apertura: martedì e giovedì, dalle 21.00 alle 22.30.
 

Club Alpino Italiano - Sezione Valtellinese, via Trieste 27 - 23100 Sondrio, tel./fax 0342-214300;
apertura: martedì e giovedì, dalle 21.00 alle 22.30.

 
mappa di Pizzo Redorta
  1. Percorso
 

Percorso

Primo giorno. Dalla Centrale Vedello 1032 m si prosegue inequivocabilmente lungo la sterrata per Agneda e, tralasciata la deviazione per Ambria, in poco più di un chilometro e alcuni tornanti si raggiunge la chiesina di Agneda 1228 m, paese un tempo abitato tutto l'anno. Segue un tratto assolutamente pianeggiante, che termina in prossimità di un cartello di divieto d'accesso (fin qui, quindi, in condizioni di scarso innevamento si può salire in auto). Poco oltre, un grande conoide di valanga costringe quasi sempre ad un modesto scavalcamento, oltre il quale la carrareccia prende bruscamente a salire con numerosi tornanti tra gli abeti. Con un curvone verso destra si giunge in vista della grande Diga di Scais, in prossimità del Punt de la Padèla, così chiamato, forse, per le marmitte dei giganti che si possono in parte ammirare sul greto del torrente. Seguendo le indicazioni per la Capanna Mambretti, quindi, si imbocca a sinistra il ponticello, per proseguire lungo una mulattiera nel bosco. Per la verità questo tratto, sotto le chiome frondose degli abeti, spesso scarseggia di neve e forse Vi farà un poco faticare. ConsolateVi pensando che è piuttosto breve e che, al suo termine, avrete raggiunto il livello dello sbarramento artificiale. Verso destra la traccia porta, infatti, alla casa dei guardiani della Diga di Scais 1503 m, località nel cuore delle montagne dove si percepisce un vivo senso di solitudine. Non stupiteVi, dunque, se uno dei due guardiani che si trovano fissi qui vi fermerà per chiederVi dove state andando o semplicemente per parlare del più e del meno. Si prosegue costeggiando il Lago di Scais per riprendere la salita in prossimità delle Case di Scais 1547 m. Oltrepassate le radure tra le quali si trova l'ex Rifugio Guicciardi, riconoscibile per le decorazioni sotto le falde del tetto, si superano alcuni passaggi obbligati nel bosco, tra grandi roccioni (in discesa se ne vedranno delle belle). Il bosco termina in vista dell'ampia Alpe Caronno 1612 m, dove si comincia a respirare aria di alta montagna. Restando a sinistra delle baite si attraversa il pianoro puntando ad una valletta ingombra di ontani e piccoli pini contorti, segno inequivocabile che la zona è percorsa, di tanto in tanto, dalle valanghe. La traccia, quindi, percorsa la parte inferiore della valletta, in caso di consistenti accumuli dovrà tenersi sul piccolo crinale a destra della conca (sinistra orografica), tra le grosse conifere. Oltrepassato il limite del bosco, sempre lungo il crinale, si superano alcuni brevi dossi fino alla Capanna Mambretti 2003 m (3.30 ore).

Secondo giorno. Dalla Capanna Mambretti 2003 m i pendii immediatamente successivi sono un po' lo spauracchio di molti sci alpinisti. In realtà, essendo ripidi e ben esposti al sole, sono sì un pericolo potenziale in caso di nuove nevicate, forte rialzo termico o apprezzabili accumuli eolici, ma sono anche soggetti a un veloce assestamento, tanto che quasi sempre la neve vi si trova trasformata e portante. Si dovrà avere, piuttosto, l'accortezza di riattraversarli al ritorno in un orario non troppo avanzato.

Si attraversano, in salita modesta ma con un impegnativo mezza costa, questi ripidi pendii che, verso E, portano ad una piccola conca del fondovalle, avvicinandosi alla quale si individua sulla destra il vallone di Scais, invisibile dalla Mambretti. Volgendo, quindi, leggermente a destra (SE) si imbocca l'ampio vallone, seguendolo senza possibilità di errore. Accompagnati da uno scenario suggestivo fatto di dolci pendii innevati che si contrappongono a vette slanciate e compatte pareti rocciose, ci si porta ai piedi dell'unico cambio di pendenza notevole, la cosiddetta 'schiena di mulo'. D'estate, questo gobbone presenta alcuni crepacci, d'inverno generalmente coperti da un consistente strato di neve; date comunque un'occhiata d'insieme. A monte della piccola impennata, superata leggermente sulla destra con alcuni dietro-front, si punta verso E all'evidente intaglio roccioso noto come Bocchetta di Scais 2905 m. Prima di raggiungere l'insellatura si individua facilmente un ripido canalino alla sua destra e, lasciati gli sci alla base di quest'ultimo, lo si risale (utile una piccozza) fino ad incrociare la cresta settentrionale. Dopo aver superato alcune facili roccette, si prosegue per pendii di neve fino alla vetta del Pizzo Redorta 3038 m (3 ore).

La discesa si svolge lungo lo stesso itinerario, con un'eventuale variante significativa che si può effettuare per non ripassare dalla Capanna Mambretti. In questo caso, ridiscesi dal Vallone di Scais e percorsa grosso modo metà della traversata verso il rifugio, ci si abbassa per il ripido e regolare pendio che permette di raggiungere nuovamente il fondovalle. Presso un ripiano, a 1800 m circa, si abbandona il greto del torrente per portarsi a sinistra, con un breve traverso, alla sommità di un dosso boscoso. Da qui la discesa riprende entusiasmante fino ai caratteristici grandi massi 1668 m che anticipano l'Alpe Caronno 1612 m. Riattraversato il torrente presso le baite dell'alpeggio ci si riporta nella traccia di salita.