Testata per la stampa

Sci alpinismo - Palon de la Mare e Monte Viòz - al Ghiacciaio dei Forni

 
  1. Scheda
 
  • Zona: Alta Valtellina
  • Tipo: Sci alpinismo
  • Sigla: S96
  • Periodo consigliato: primavera
  • Tempo di percorrenza: 5 - 6 ore; calcolare un'ora in meno dal Rifugio Branca.
  • Partenza: Rifugio Albergo Ghiacciaio dei Forni 2178 m (tel. 0342-93.53.65). posto a 6 km da Santa Caterina Valfurva al termine della strada asfaltata della Valle dei Forni o Rifugio Cesare Branca 2487 m (tel. 0342-93.55.01; vedi accesso nella descrizione sotto)
  • Esposizione: W poi S Palon de la Mare; W poi NW Monte Viz
  • Dislivello: 1550 m Palon de la Mare; 1500 m Monte Viz.
  • Attrezzatura: corda, piccozza, ramponi, imbracatura.
  • Difficolt: BSA (Buon sciatore alpinista)
  • Bibliografia: Miotti G. e Selvetti C.: "282 itinerari di scialpinismo fra alto Lario ed Engadina" - Guide dalle Guide 1998
  • Guide e carte: Tabacco 1:50.000 f. 08 "Ortles-Cevedale"; IGM 1:50.000 f. 24 "Bormio"; Carta Kompass 1:50.000 n 72 "Ortles-Cevedale".
  • Informazioni locali: http://www.forni2000.com/; http://www.rifugiobranca.it/; http://www.rifugi-bivacchi.com/;
  • bollettino valanghe http://www.arpalombardia.it/meteo/bollettini/bolniv.htm
 
 
mappa di Palon de la Mare e Monte Viz - al Ghiacciaio dei Forni
  1. Percorso
 

Percorso


Dal parcheggio auto pi basso 2158 m seguire la stradicciola verso il bacino artificiale e proseguire sulla sinistra in leggera salita. Le paline di accesso al Rifugio Branca guidano attraverso l'ampio fondovalle fino ai 2300 metri di quota per poi piegare a sinistra (Nord Est) e, con alcuni ampi dietro-front, guadagnare il breve ripiano nel quale riposa il Lago di Rosole 2452 m, alcuni metri a monte del quale sorge il Rifugio Cesare Branca 2487 m (1 ora). In stagione avanzata o con scarso innevamento si percorre invece la strada di accesso estivo al rifugio.

Dal pianoro del Lago di Rosole 2452 m si prosegue a Sud Est entro l'avvallamento compreso tra la grande morena laterale destra del Ghiacciaio dei Forni e le ripide pendici del Palon de la Mare. Qui, il mattino presto, potrebbero essere utili i rampanti. Questo tratto termina su una spalla morenica (quota 2800 m circa) affacciata sulla spettacolare seraccata orientale del Ghiacciaio dei Forni.

Per il Palon de la Mare si volge decisamente a sinistra (Nord) imboccando una stretta valletta che conduce alla fronte del ghiacciaio. Si prosegue lungo la vedretta tenendosi sulla sinistra e superando un tratto pi ripido che d accesso al pianoro superiore 3400 m. Aggirando alcuni crepacci si procede verso sud-est in ascesa leggera fino a guadagnare la spalla Sud Ovest della montagna.

Un crinale arrotondato si innalza facilmente verso la vetta ma, sovente spazzato dal vento, sconsiglia di proseguire con gli sci ai piedi. Gli ultimi metri sono davvero suggestivi, lungo una cresta di neve orizzontale che culmina con il Palon de la Mare 2703 m.

Per ilMonte Viz, dalla terrazza morenica di quota 2800 si prosegue verso Est guadagnando un secondo poggio 2912 m dal quale, con percorso diagonale, ci si porta